Logo Rai3

Olha Vozna - Ucraina

Il programma è stato realizzato in collaborazione con il Ministero dell'Interno - Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione

e con il cofinanziamento del Fondo Asilo Migrazione e Integrazione 2014-2020



Paesi

Brasile

Il Brasile è uno Stato dell’America del Sud, occupato per oltre il 65% da boschi e foreste che coprono il vastissimo e fertilissimo bassopiano amazzonico. È il quinto Paese più grande al mondo per superficie nonché uno dei più popolosi, anche se la densità media è molto bassa. Questo perché esistono vaste aree scarsamente abitate e poco umanizzate, come la foresta amazzonica, dove le difficili condizioni ambientali: elevata temperatura e forte umidità, impediscono un fitto popolamento. Più densamente abitati sono gli altipiani orientali ma soprattutto la regione meridionale costiera per il suo clima mite e il suolo fertile. La crescita urbana rapidissima ha portato alla nascita intorno alle città principali di enormi sobborghi precari le favelas.

Il Brasile precedentemente abitato da indigeni, fu scoperto nel 1500 dai portoghesi e il suo territorio fu annesso al Regno di Portogallo di cui fu colonia fino al 1822 anno in cui conquistò l’indipendenza. Dopo una fase iniziale in cui era costituito in impero il Paese diventò una repubblica con capitale Salvador. La sua costituzione attuale è quella di una repubblica federale presidenziale.

La società brasiliana è multietnica, costituita dai discendenti di europei, indigeni, africani e asiatici.

Oggi il Brasile è una delle economie a più rapida crescita grazie anche alle riforme economiche attuate negli ultimi decenni che hanno affrancato il Paese da un sistema di tipo coloniale. L’economia brasiliana è, infatti, la più grande in America Latina e la settima più grande al mondo. È entrato a far parte dei G20 e del BRICS, acronimo che comprende quei Paesi accomunati da una economia in via di sviluppo, vastità del territorio, densità abitativa e caratterizzati da una forte crescita del prodotto interno lordo.

Le produzioni agricole, concentrate nei territori pianeggianti della Costa Atlantica e rivolte principalmente all’esportazione, sono il caffè (di cui il Brasile è il primo esportatore al mondo), la soia, il frumento, il mais, la canna zucchero e il cacao. Il sottosuolo è ricco di materie prime in particolare di ferro, ma sono presenti anche manganese, zinco, stagno, oro e pietre preziose.

L’industria, sostenuta dai capitali stranieri, è in grande espansione soprattutto nel settore metallurgico, chimico, meccanico ed elettronico.

Il Brasile attrae ogni anno volumi sempre crescenti di visitatori provenienti dalle Americhe ma anche dall’Europa, richiamati dalle bellezze naturalistiche custodite in numerosi parchi nazionali, dalle spiagge dorate ma anche dalle città multietniche nonché dal famoso Carnevale di Rio De Janeiro.

Rai.it

Siti Rai online: 847