Olha Vozna - Ucraina

Il programma è stato realizzato in collaborazione con il Ministero dell'Interno - Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione

e con il cofinanziamento del Fondo Asilo Migrazione e Integrazione 2014-2020



Sonila Alushi

Albania

    » Segnala ad un amico

    Sonila Alushi si avventura con Davide Demichelis sui monti di Peshkopi, dove la sua famiglia l’aspetta in fila, davanti alla porta: prima lo zio, poi gli altri parenti e infine una donna, la padrona di casa, vestita a festa. La tradizione vuole così.

    Sonila Alushi, 36 anni, torna spesso a Tirana, dov'è nata e cresciuta, per visitare i suoi parenti. E' emigrata nel 1997, quando l’Albania era in preda al caos. Tutti i giorni, quando attraversava la centralissima piazza Skanderbeg per recarsi in biblioteca, temeva di cadere vittima di una pallottola vagante. E così è andata a vivere a Bergamo, dai suoi zii, per proseguire gli studi all’Università di Lingue e Letteratura Straniere. In quel periodo ha fatto la cameriera e la commessa per finanziarsi gli studi, oggi è imprenditrice, gestisce un’impresa di pulizie insieme a suo marito, anche lui albanese.

    Sonila e Davide, nel Paese delle aquile, toccano le coste di Durazzo e Valona, le due città portuali da cui partirono navi e gommoni carichi di migranti, negli anni ’90, proseguono verso Argirocastro, con le sue caratteristiche case in pietra, fino alle rovine romane di Butrinto. Il viaggio si conclude oltreconfine: in Grecia, antica regione della Ciamuria. Sonila ritrova una casa diroccata: là vivevano i suoi nonni, fuggiti a Tirana poco meno di un secolo fa.

    Radici è un progetto realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Interno ed il Fondo europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi terzi.

    Articoli Correlati

    Rai.it

    Siti Rai online: 847